La Cripta delle Repentite a Palermo
Ricerca
  • Non hai un segnalibro.

La tua lista dei desideri: 0 annunci

Registrati

La Cripta delle Repentite a Palermo

CRIPTA DELLE REPENTITE – E’ tornata alla luce una decina di anni fa la Cripta del Convento di Santa Maria la Grazia, un gioello che porta ala luce una delle storie più curiose ed incredibili del passato di Palermo.
LEGGI ANCHE: LE INCREDIBILI DECORAZIONI DI CASA PROFESSA A PALERMO 
Il convento cinquecentesco è meglio conosciuto come il convento delle Repentite, ed era abitato da donne che dopo aver vissuto in maniera dissoluta, pentite, decidevano di ritirarsi a vita monastica.
GUARDA: LA STANZA DELLE MERAVIGLIE DI PALERMO
Le prostitute nel monastero erano mantenute dalle cortigiane ancora in attività attraverso il pagamento di una tassa al Senato palermitano, il diritto della bacchetta. Questo tributo non era obbligatorio, veniva richiesto alle prostitute che volevano vestire gli abiti che erano riservati solo alle “donne oneste”.

 
Il monastero fu abolito nel 1866 ma la chiesa rimase aperta al pubblico ancora per qualche anno. Durante i lavoro di ristruttazione della Chiesa in Via Divisi (oggi utilizzata come aule per dipartmenti universitari) la cripta è tornata alla luce quasi per caso.
LEGGI ANCHE: LA COLLEZIONE DI MAIOLICHE CHE DEVI VEDERE A PALERMO 
I lavori hanno riportato a galla una chiesa sotterranea di circa sedici metri quadrati dove si trova un altare seicentesco e delle panche dove venivano poggiati i corpi senza vita delle defunte dove si praticava un’antica tradizione che prevedeva il prosciugamento dei corpi prima della sepoltura. Nella cripta è visibile anche la tomba della Madre Badessa identificata da una lapide.

VISITE – Oggi la Cripta è visitabile in Via Divisi 81 ogni venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 18 (ultimo ingresso alle 17:40).

tag:
Articolo precedente
Articolo successivo

Aggiungi un commento

Devi essere loggato per pubblicare un commento.
Home
Luoghi
Spiagge
Ricerca